Top menu

CookiesAccept

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione.

Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 122 comma 1 e 154 comma 1

Utilizzo dei cookie da parte del sito/i presente/i all'interno del dominio: www.adozionebrutia.it

Che cosa sono i cookie

I cookie sono file di testo contenenti informazioni minime inviate al browser e archiviate sul computer, telefonino o altro dispositivo, ogni volta che si visita un sito web. A ogni collegamento i cookie rimandano le informazioni al sito di riferimento.
Ogni cookie è provvisto di una data di scadenza che, una volta raggiunta, determina la cancellazione automatica del cookie stesso dal dispositivo.
I cookie possono essere permanenti (cookie persistenti) in caso di scadenza elevata come ore, settimane o anni. Oppure temporanei (cookie di sessione) se vengono eliminati alla chiusura del browser.
I cookie possono anche essere cookie di prime parti se impostati dal sito visitato, oppure cookie di terze parti se inseriti da un sito diverso da quello visitato.

Che tipo di cookie vengono utilizzati da questo sito

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità del nostro sito web, consentire all'utente di spostarsi agevolmente tra le pagine, ricordare le sue preferenze e garantire un'esperienza di navigazione sempre ottimale oltre che un accesso sicuro alle aree riservate.
I cookie utilizzati nei nostri siti possono essere catalogati come segue:

  1. Cookie indispensabili
    Questi cookie sono fondamentali per consentire all'utente di spostarsi all'interno del sito e utilizzare i servizi richiesti, come ad esempio l'accesso alle aree protette.
    I cookie indispensabili sono cookie di prime parti e possono essere permanenti o temporanei. Utilizziamo questa tipologia di cookie per gestire la fase di registrazione e accesso da parte degli utenti. Senza questi cookie l'utente non potrebbe accedere ai servizi richiesti ed il nostro sito non funzionerebbe correttamente.
  2. Performance cookie
    I performance cookie raccolgono informazioni sull'utilizzo di un sito da parte degli utenti, come ad esempio quali sono le pagine visitate con maggiore frequenza.
    Questi cookie non memorizzano dati identificativi dei singoli visitatori, ma solo dati aggregati e in forma anonima.
    Questi cookie possono essere di tipo permanente o temporaneo. Per la raccolta di tali dati il sito utilizza cookie di terze parti forniti da Google Inc. Riferimenti più specifici sui cookie analitici di Google Inc. possono essere visionati cliccando qui .
  3. Cookie di funzionalità
    Questi cookie consentono al sito di ricordare le scelte dei visitatori (ad esempio il nome utente, la lingua o il Paese di accesso) e fornire funzionalità più personalizzate.
    I cookie di funzionalità possono servire anche per fornire servizi richiesti dall'utente, come l'accesso a un video oppure l'inserimento di un commento a un blog.
    Le informazioni utilizzate da questi cookie sono raccolte da appositi form compilabili, presenti all'interno del sito, i quali registrano le informazioni solo dopo consenso, da parte dell'utente, alle normative di privacy proposte. Con le informazioni contenute all'interno di questi cookie, non è possibile tracciare la navigazione degli utenti su altri siti web.
    Usiamo questi cookie per ricordare se un particolare servizio è già stato fornito all'utente e per migliorare l'esperienza generale all'interno del sito ricordando le preferenze dell'utente.
    Questi cookie possono essere permanenti o temporanei e principalmente di prime parti.
  4. Cookie di soggetti terzi
    Su alcune pagine del nostro sito ci possono essere contenuti di servizi come YouTube o Facebook. Non controlliamo i cookie utilizzati da questi servizi, per cui invitiamo l'utente ad accedere al sito di questi soggetti terzi per le informazioni del caso.

Come gestire e disattivare i cookie

Per limitare, bloccare o eliminare i cookie basta intervenire sulle impostazioni del proprio web browser.
La procedura varia leggermente rispetto al tipo di browser utilizzato. Per le istruzioni dettagliate, seguire la guida del proprio browser.

Attenzione: alcune sezioni del nostro sito web sono accessibili soltanto abilitando i cookie; disattivandoli è possibile che l'utente non abbia più accesso ad alcuni contenuti e non possa apprezzare appieno le funzionalità del nostro sito web.

Conclusioni

Per ulteriori informazioni sui cookie utilizzati da questo sito web è possibile contattarci direttamente all'indirizzo  adozione.brutia@gmail.com

Utilizzando il sito senza rifiutare e/o disattivare cookie e tecnologie simili online, gli utenti acconsentono al ricorso a tali tecnologie da parte nostra per la raccolta e l'elaborazione di informazioni sopra descritte.
Per una visione estesa della normativa espressa dal garante della privacy clicca qui .

СНПЧ А7 Курск, обзоры принтеров и МФУ

VITA.IT ACCESSO DIRETTO AL LINK

 

Cari Marco e Giuseppe,
scrivo questa lettera perché devo raccontarvi quanto siete importanti per la vita di mio figlio e della mia famiglia.
A volte è necessario mettersi di fronte a un foglio e scrivere lasciando che le parole ne ispirino altre. Scrivere una lettera esige tempo e quel tempo permette di andare oltre i concetti semplici, approfondire, superare la banalità genuina di un “Grazie”. Sì, perché in questo breve scritto voglio riuscire a ringraziarvi nel modo migliore. Meritate tutta l’attenzione e l’importanza che dedicate al mio piccolo e complicatissimo bimbo.
Da quasi due anni fate parte della vita di mio figlio e l’avete trasformata, resa migliore e un po’ meno complicata. Non è stato agevole avvicinarsi alle sue problematiche, non è stato facile ripulirsi da ogni diffidenza, non è stato semplice confrontarsi con l’intolleranza e la nomea che lo circondava. Mio figlio e la scuola, un’eterna battaglia nella quale ne usciva sempre sconfitto, deluso, etichettato. Il bambino complicato, violento, disturbante, ingestibile. Siete andati oltre gli aggettivi per occuparvi del “sostantivo”, il bambino.
Perché di questo si tratta, di incontrare le fatiche e le sofferenze di un bambino.
Un bambino che ha vissuto per oltre cinque anni lontano dall’amore di una famiglia, un bambino che ha dovuto badare a se stesso senza esserne capace, un bambino al quale per troppo è stato precluso buona parte di ciò che ogni figlio possiede. Una padre, una madre, una sorella, una famiglia, un futuro.
Come non fare i conti con tutto questa sofferenza? Come non comprenderla?
Quel bimbo senza sosta, senza pace, che non sta seduto in classe, che non impara, che vive una dimensione esplosiva.
Il bambino diverso, pericoloso, nocivo per le dinamiche scolastiche.
Che nessuno si permetta di rompere il giocattolo! Che nessuno si azzardi a pretendere troppo dalla scuola!
Perché molto spesso quando si parla di “scuola inclusiva” non si fa altro che recitare una parte tanto corroborante quanto ingannevole.
La scuola non sempre è in grado di includere, di aiutare chi resta indietro, chi fatica. Le celebri “linee guida” e i progetti rimangono sterili fogli senza dimensione e possibilità di sviluppo. Bloccati dalla incompiutezza, dalla non conoscenza, dalle miserrime risorse, dalla poca capacità o peggio, dall’improvvisazione. E allora il bambino difficile rischia di essere fagocitato dallo stesso sistema che dovrebbe proteggerlo. Rischia di diventarne il nemico e di sentirsi tale.
Come capita a molti bambini adottivi, anche mio figlio ha subito la ferita di essere escluso fino al punto di doversene andare da una scuola. Troppo problematico per permettere agli altri bambini di crescere e educarsi. Troppo complicato per essere “risolto” dagli insegnati. Fuggire per smettere di sentirsi vittima e carnefice. Unico elefante in un negozio pieno di bimbi di cristallo.
Nessuno in grado di comprendere che il più fragile di tutti è proprio quell’elefante.
Sono trascorsi anni, sono passate altre fatiche prima che vi incontrasse.
Quando ormai sembrava tutto perduto, siete arrivati voi. Lo smilzo e … e quello un po’ meno. Due ragazzi, due educatori, due professionisti, due bellissime persone. Avete deciso fin dal primo istante di valorizzare il bello e solo successivamente fare i conti con il disastro. Tanto quello era già lì in belle mostra.
Avete deciso di raccogliere i cocci di un vaso in frantumi e ricostruire.
Non l’avete fatto da soli, vi siete fatti aiutare da lui. Con pazienza e la forza di chi conosce la fatica altrui e decide di farsene carico.
L’avete coinvolto, gli avete mostrato che anche i piccoli frammenti più lontani possono essere recuperati e riportati nel luogo d’origine. Che nulla si perde davvero. Avete imparato a non arrendervi e impedire che anche lui lo facesse. Un passo avanti e a volte due indietro. Altri giorni uno indietro e tre avanti. Senza sosta. Come una danza complicata e bellissima. Una danza che continua ancor oggi. Ogni giorno, tra le mura di una classe che sembrava ostile avete costruito un rapporto di aiuto e protezione, di fiducia e prospettiva. Garantito il suo futuro.
Avete fatto quello che racconta Pennac alla fine di un suo celebre libro. Avete raccolto quella rondine che sbatte contro la finestra e aiutata a volare lontano.
Non vi siete mai arresi a quella che poteva essere la comoda evidenza, ogni giorno vi siete alzati dalla scomoda seggiolina della classe e favorito quel volo complicato e bellissimo.
Perché quel bimbo non è un elefante e se anche lo fosse, ha grandi ali.
E voi lo sapete… lo sapete da sempre.
Grazie,
papà Fabio

 

consigliamo anche la lettura sul sito VITA.IT Care mamme, esco dal gruppo WhatsApp

: