Top menu

CookiesAccept

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione.

Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 122 comma 1 e 154 comma 1

Utilizzo dei cookie da parte del sito/i presente/i all'interno del dominio: www.adozionebrutia.it

Che cosa sono i cookie

I cookie sono file di testo contenenti informazioni minime inviate al browser e archiviate sul computer, telefonino o altro dispositivo, ogni volta che si visita un sito web. A ogni collegamento i cookie rimandano le informazioni al sito di riferimento.
Ogni cookie è provvisto di una data di scadenza che, una volta raggiunta, determina la cancellazione automatica del cookie stesso dal dispositivo.
I cookie possono essere permanenti (cookie persistenti) in caso di scadenza elevata come ore, settimane o anni. Oppure temporanei (cookie di sessione) se vengono eliminati alla chiusura del browser.
I cookie possono anche essere cookie di prime parti se impostati dal sito visitato, oppure cookie di terze parti se inseriti da un sito diverso da quello visitato.

Che tipo di cookie vengono utilizzati da questo sito

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità del nostro sito web, consentire all'utente di spostarsi agevolmente tra le pagine, ricordare le sue preferenze e garantire un'esperienza di navigazione sempre ottimale oltre che un accesso sicuro alle aree riservate.
I cookie utilizzati nei nostri siti possono essere catalogati come segue:

  1. Cookie indispensabili
    Questi cookie sono fondamentali per consentire all'utente di spostarsi all'interno del sito e utilizzare i servizi richiesti, come ad esempio l'accesso alle aree protette.
    I cookie indispensabili sono cookie di prime parti e possono essere permanenti o temporanei. Utilizziamo questa tipologia di cookie per gestire la fase di registrazione e accesso da parte degli utenti. Senza questi cookie l'utente non potrebbe accedere ai servizi richiesti ed il nostro sito non funzionerebbe correttamente.
  2. Performance cookie
    I performance cookie raccolgono informazioni sull'utilizzo di un sito da parte degli utenti, come ad esempio quali sono le pagine visitate con maggiore frequenza.
    Questi cookie non memorizzano dati identificativi dei singoli visitatori, ma solo dati aggregati e in forma anonima.
    Questi cookie possono essere di tipo permanente o temporaneo. Per la raccolta di tali dati il sito utilizza cookie di terze parti forniti da Google Inc. Riferimenti più specifici sui cookie analitici di Google Inc. possono essere visionati cliccando qui .
  3. Cookie di funzionalità
    Questi cookie consentono al sito di ricordare le scelte dei visitatori (ad esempio il nome utente, la lingua o il Paese di accesso) e fornire funzionalità più personalizzate.
    I cookie di funzionalità possono servire anche per fornire servizi richiesti dall'utente, come l'accesso a un video oppure l'inserimento di un commento a un blog.
    Le informazioni utilizzate da questi cookie sono raccolte da appositi form compilabili, presenti all'interno del sito, i quali registrano le informazioni solo dopo consenso, da parte dell'utente, alle normative di privacy proposte. Con le informazioni contenute all'interno di questi cookie, non è possibile tracciare la navigazione degli utenti su altri siti web.
    Usiamo questi cookie per ricordare se un particolare servizio è già stato fornito all'utente e per migliorare l'esperienza generale all'interno del sito ricordando le preferenze dell'utente.
    Questi cookie possono essere permanenti o temporanei e principalmente di prime parti.
  4. Cookie di soggetti terzi
    Su alcune pagine del nostro sito ci possono essere contenuti di servizi come YouTube o Facebook. Non controlliamo i cookie utilizzati da questi servizi, per cui invitiamo l'utente ad accedere al sito di questi soggetti terzi per le informazioni del caso.

Come gestire e disattivare i cookie

Per limitare, bloccare o eliminare i cookie basta intervenire sulle impostazioni del proprio web browser.
La procedura varia leggermente rispetto al tipo di browser utilizzato. Per le istruzioni dettagliate, seguire la guida del proprio browser.

Attenzione: alcune sezioni del nostro sito web sono accessibili soltanto abilitando i cookie; disattivandoli è possibile che l'utente non abbia più accesso ad alcuni contenuti e non possa apprezzare appieno le funzionalità del nostro sito web.

Conclusioni

Per ulteriori informazioni sui cookie utilizzati da questo sito web è possibile contattarci direttamente all'indirizzo  adozione.brutia@gmail.com

Utilizzando il sito senza rifiutare e/o disattivare cookie e tecnologie simili online, gli utenti acconsentono al ricorso a tali tecnologie da parte nostra per la raccolta e l'elaborazione di informazioni sopra descritte.
Per una visione estesa della normativa espressa dal garante della privacy clicca qui .

Bielorussia

СНПЧ А7 Курск, обзоры принтеров и МФУ

INFORMAZIONI SULL’ ITER DI ADOZIONE INTERNAZIONALE IN  BIELORUSSIA

bielorussia

Si informano i coniugi che le notizie riportate nel presente documento sono suscettibili di variazioni: invero il Paese straniero può apportare all’intera materia modifiche legislative alle quali l’Ente Autorizzato e la coppia devono adeguarsi

BIELORUSSIA

Popolazione

9.464.000 abitanti (2012)

Superficie

207.600 kmq

Densità

49 ab/Km²

Lingue statali

bielorusso, russo

Nazionalità

Bielorussi (78%), Russi (13%), Ucraini (4%), Polacchi (4%)

Religioni

cristiani ortodossi orientali (grande maggioranza), cattolici

Capitale

Minsk (1.700.000 abitanti) Altitudine: 234 metri sul livello del mare

Mortalità Infantile

11,4% 1999

Crescita Annua

-0,6%(1995-2000)

Altre città importanti

Vitebsk, Gomel, Mogilev.

Ordinamento Statale

Repubblica Presidenziale

Presidente

Alexander Lukashenko

 

 

bielorussia  

Ambasciata della Repubblica Belarus in Italia

Via delle Alpi Apuane, 16 00141 ROMA telefono 068208141 fax 06/82002309

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visto d'Entrata

Per poter entrare in Belarus occorre il passaporto e il visto. A partire dal 1° ottobre 2000 vige l'obbligo di munirsi di una polizza assicurativa medica sanitaria riconosciuta dalle Autorità locali che può essere pagata direttamente ai punti di frontiera aeroportuali e terrestri.

Valuta

Rublo bielorusso

   

Alture principali

La Belarus è un paese pianeggiante, l'unica montuosità importante è: Gora Dzerzienskaja 346 m

Fiumi principali

In Belarus ci sono circa 20.000 fiumi, i più importanti: Dnepr 2201 Km (totale, compresi tratti russo ed ucraino), Dvina Occidentale 1020 Km (totale, compresi tratti russo e lettone), Neman 937 Km (totale, compresi tratti lituano e russo), Pripjat 779 Km (totale, compreso tratto ucraino), Berezina 585 Km

Laghi principali

In Belarus ci sono circa 10.000 laghi, il più importante: Ozero Vilija 100 Km²

Clima e temperature medie

Il clima è continentale. L'inverno lungo e rigido con neve e gelo per circa 4 mesi; la primavera e l'autunno sono molto brevi; l'estate è breve, calda con frequenti mutamenti di tempo. Abbigliamento consigliato: è necessario l'abbigliamento per tutte e 4 le stagioni, avendo cura di prevedere sia gli abiti pesanti per il freddo invernale, sia quelli leggeri per il caldo estivo. 

Di seguito indichiamo le temperature medie durante l'anno mese per mese:

Gennaio

-11/-4

Febbraio

-10/-1

Marzo

-6/+2

Aprile

+1/+10

Maggio

+7/+18

Giugno

+11/+22

Luglio

+13/+23

Agosto

+12/22

Settembre

+8/+17

Ottobre

+3/+9

Novembre

-2/+2

Dicembre

-7/-2

Fuso Orario

+ 1 ora rispetto all'Italia. Utilizzo dell'ora legale.

Prefisso telefonico dall'Italia verso la Belarus

00375+prefisso località+numero telefonico

Prefisso telefonico dalla Belarus verso l'Italia

81039+prefisso località+numero telefonico

 

Situata nell’Europa orientale, la Bielorussia (o Russia Bianca) conta circa 10 milioni di abitanti, per un territorio di poco superiore ai 200.000 km² come estensione. La sua capitale è Minsk, mentre altre città importanti sono Moghilev, Gomel,  Brest, Vitebsk e Grodno (che sono anche capoluoghi di regione).
Benché priva di sbocchi sul mare, questa nazione vanta una rete idrica piuttosto sviluppata; prettamente agricola, con una densità di 50 abitanti per chilometro quadrato, possiede un territorio prevalentemente pianeggiante, con alcuni piccoli rilievi, di modesta entità.

Nell’ambito politico la Bielorussia ha visto riconosciuta la propria indipendenza dall’URSS il 25 agosto 1991, dopo circa un anno (27 luglio 1990) dalla dichiarazione della stessa. Dopo pochi mesi, l'8 dicembre, Russia, Bielorussia e Ucraina decidono di formare la Confederazione degli Stati Indipendenti, ponendo così virtualmente fine all’Unione Sovietica.

L’attuale presidente della Repubblica Bielorussa Alexander Grigoryevich Lukashenko, eletto per la prima volta il 10 luglio del 1994 e riconfermato per ben due volte, sta attuando una forte politica di rivalutazione del prestigio nazionale. Negli utili anni l'unione Europea si è schierata contro la Bielorussia, minacciando anche sanzioni economiche, e gli USA sono arrivati a definire Lukashenko "L'ultimo dittatore d'Europa”.

La condizione in cui verte la Bielorussia è piuttosto complicata, ed un osservatore esterno non ha una sufficiente visione d’insieme per poter analizzare in modo esaustivo questi aspetti politico- sociali. Sostanzialmente distinta in città e campagne, la Russia Bianca evidenzia grandi differenza tra i centri urbani ed il resto del proprio territorio; gran parte della popolazione è, infatti, concentrata nella provincia di Minsk. Questo divario provoca facilmente una condizione di arretratezza nelle campagne, prospettando uno scenario poco differente dall’ambiente italiano del secondo dopoguerra mentre, per ciò che riguarda le città, non si notano grandi differenza dalle più blasonate “colleghe” europee.

Per capire alcune cause delle condizioni dell’odierna Bielorussia bisogna tornare ad un giorno di primavera di 21 anni fa. Il 26 aprile 1986 accadde qualcosa che cambiò decisamente il mondo. Durante quella notte il reattore 4 della centrale nucleare di Chernobyl, città ucraina a circa 100 da Kiev, esplose, riversando nell’aria una quantità impressionante di prodotti radioattivi. Le condizioni climatiche particolari di quel giorno, varie correnti d’aria e numerosi venti, spinsero gran parte di quegli inquinanti a riversarsi sul suolo bielorusso, avvelenando ogni cosa, in particolare nella regione di Gomel, situata a sud, (confinante proprio con l’Ucraina), peraltro oggi tristemente famosa per il gran numero di patologie sviluppate nei suoi più giovani abitanti. Quel disastro inflisse un duro colpo alla già precaria situazione bielorussa, provocando un ulteriore isolamento e determinando una situazione di arretratezza e difficoltà che solo il tempo potrà risolvere, anche se numerosi ma non ancora sufficienti sforzi sono stati già compiuti dal governo locale e da interventi internazionali. Dal punto di vista chimico-biologico le sostanze inquinanti che avvelenarono quelle terre hanno tempi di decadimento piuttosto lunghi, anche migliaia di anni. Questo significa che gran parte della produzione agricola di quelle zone, oltre ad essere illegale, è anche fortemente nociva e dannosa per l’organismo umano. Questa situazione, tuttavia, perdurerà per molti anni ancora.

Negli anni appena successivi nacquero in Italia numerose associazioni, fondazioni e Onlus che decisero di prendersi cura dei bimbi bielorussi, i più colpiti da quella tragedia. In seguito a tali iniziative, molti giovani iniziarono a venire in Italia (ma anche in altre nazioni, come ad esempio in Irlanda), per periodi di circa un mese, con lo scopo di migliorare le proprie difese immunitarie e per seguire una dieta più sana, senza trascurare l’importanza di questa “vacanza” anche a livello psicologico.

: